Rapporto con una prostituta usando un preservativo.. quali esami per escludere qualunque malattia venerea?

Salve, ho avuto un rapporto sessuale con una prostituta usando un preservativo che al termine ho visto essere del tutto intatto. Successivamente mi sono abbondantemente lavato il pene e la zona pubica prima cospargendo di bialcol e successivamente con abbondante sapone intimo. Posto che non intendo più ripetere questa esperienza, quali esami devo fare per escludere la presenza anche minima di una qualunque malattia venerea trasmissibile ad altri? Inoltre quanto tempo mi conviene aspettare prima di avere rapporti sessuali? A quanto ho letto il preservativo è efficace con malattie come hiv, epatiti b e c ma non lo è con le malattie trasmesse per contatto come hpv, herpes e sifilide.  Grazie delle eventuali risposte che mi darete.

Buongiorno, scrive di aver avuto un rapporto sessuale usando il preservativo. Indossando il preservativo dall'inizio alla fine del rapporto in modo corretto ci si protegge da eventuali contatti con hiv e quindi non si corrono rischi alcuni.
Per herpes e sifilide ci sono esami sierologici che possono valutare un'eventuale contagio, per quanto riguarda HPV è sufficiente che controlli l'eventuale comparsa di lesioni tipo verruche a livello genitale.
Cordiali saluti

Chiara Vallini Psicologa e Consulente in Sessuologia Ceis di Modena www.helpaids.it