“Questione di Costanza”, Alessia Gazzola

Alessia Gazzola, vincitrice dell’edizione 2019 del premio Bancarella con "Il ladro gentiluomo", torna con un nuovo romanzo e una nuova protagonista Costanza Macallé.

“Questione di Costanza”, Alessia Gazzola

Si chiama Costanza Macallé, la nuova protagonista dei romanzi di Alessia Gazzola. Età: ventinove anni. Una laurea in medicina e una specializzazione in anatomopatologia. Single, con un passato sentimentale variegato. Per dirla in parole semplici, aveva la fama che ci stava con tutti (più o meno vera). E infatti: ha una bambina di quasi tre anni, Flora, con i capelli rossi come i suoi (che adesso sono un poco ritoccati con l’henné). Flora è nata da una passione fulminante (e durata il tempo di un fulmine) per un ragazzo conosciuto in aeroporto- stavano andando entrambi a Malta. Di lui Costanza non sa nulla, neppure il cognome. Solo che studiava a Zurigo, che suonava il piano per insistenza di sua madre, che era fidanzato (ahimé, ma lo aveva saputo dopo, naturalmente).

Quando la conosciamo Costanza sta andando a Verona da Messina, dove è nata e cresciuta- a Verona abita sua sorella e Costanza ha appena vinto un posto di ricerca presso il centro di Paleopatologia di Verona. Che Costanza non sappia neanche che cosa sia la Paleopatologia importa poco, l’assegno di ricerca la terrà a galla per un anno. E, volente o nolente, Costanza si trova subito coinvolta nel ritrovamento di uno scheletro nella chiesa di un castello nei pressi di Verona. E accanto alle ossa c’è una lunga treccia di capelli di un colore rosso reso opaco dal tempo: un pegno d’amore eterno per un uomo che è stato trapassato da una spada?

Se, pur comprendendo le ragioni per cui la serie precedente doveva terminare, sentivamo la mancanza di Alice Allevi, se ci siamo avvicinati titubanti alla lettura di “Questione di Costanza”, dopo le prime pagine in cui ci sembrava che, sì, cambiavano le circostanze, ma la voce era sempre quella di Alessia, finiamo tutta via per innamorarci di Costanza. È vero, la vivacità e l’allegria, il piglio con cui affronta la vita, una certa propensione per cacciarsi nei pasticci (sentimentali e di lavoro), il forte attaccamento alla famiglia, sono le stesse caratteristiche di Alice. Ma sono sufficienti l’ambientazione diversa e la presenza della vocetta di Flora per rinnovare la protagonista che ha dovuto maturare in fretta per assumersi le responsabilità di madre single. La combinazione delle due trame, poi, quella personale e quella del mystery in un miscuglio dalle tinte rosa e giallo, già sperimentata nella serie di Alice Allevi, è perfettamente riuscita.

Costanza è impegnata in una duplice ricerca - dell’identità dell’idealizzato seppur fedifrago Marco, padre della bambina, e di quella dell’antico cavaliere e della donna che lo aveva amato. Storia forse un poco banale ma sempre attuale con i quesiti che pone, la prima, e intrigante sullo sfondo del secolo XIII la seconda che si svolge tra il Sud e il Nord dell’Italia, alle corti dell’imperatore Federico II di Svevia e di Ezzelino da Romano. Una la controparte dell’altra e forse quei capelli rossi che i due principali personaggi femminili hanno in comune contribuiscono a creare un effetto straniante - se di infelicità si parla, più lieve quella di Costanza di oggi che quella di Selvaggia nel 1237, la sorte delle donne è cambiata di più di quella degli uomini (per fortuna), la malattia del fratello di Selvaggia sembra più terribile della diversità del fratello di Costanza.

In un’alternanza delle due storie, mentre Costanza lotta per non rifare gli stessi errori e si impegna per riuscire in un lavoro che non le interessa, un uomo impara a fare il padre e il passato scolorito come il colore di quella treccia recisa torna a vivere per noi con le sue vicende di figli illegittimi (come Flora, ma è una fortuna che la parola sia caduta in disuso), di alleanze stipulate con matrimoni in cui la volontà della donna non conta nulla (sarebbe auspicabile che Costanza sposasse il padre di Flora?), in un attimo arriviamo alla fine del romanzo e ci dispiace separarci da Costanza. Per dare il tempo ad Alessia Gazzola di scrivere il seguito. Che attendiamo.

Ed. Longanesi 2019, pagg. 335, Euro 18,60

Leggi anche le altre recensioni di Marilia Piccone ai romanzi di Alessia Gazzola:

"Arabesque"

"Le ossa della principessa"

"Un po' di follia in primavera"

“Il ladro gentiluomo”

"Non è la fine del mondo"

Leggi anche l'articolo di Angela Politi: "ALESSIA GAZZOLA: medico legale nella vita e nei romanzi"


Recensione a cura di

Marilia Piccone

leggerealumedicandela.blogspot.it

dicembre 2019