Domain fraud

Frode dei domini dei siti web

Domain fraud

La frode dei domini consiste nel registrare un dominio fraudolento molto simile ai domini legittimi di aziende.

Nella pratica, alcuni esempi di domain fraud:

  • TLD (top level domain) squatting: registrazione di domain name brand-owned identici con diversi TLD – .co invece che .com per esempio;
  • Typosquatting: noto anche come URL hijacking, consiste nel registrare nomi di dominio molto simili a quelli legittimi, mirando a utenti Internet che sbagliano la digitazione di un indirizzo nel browser (“Gooogle.com” invece che “Google.com);
  • Lookalike Domain: sostituzione di lettere con caratteri simili – impiegare la lettera m invece che rn, o una maiuscola al posto di una minuscola.

A febbraio del 2019 è stato lanciato un nuovo Top domain Level (l'ultima parte del nome di dominio Internet, corrisponde alla sigla alfanumerica che segue il 'punto' più a destra dell'URL. Es: google.it - la parte dell'indirizzo web che ricade entro il dominio di primo livello è it) .dev.

Nel giro di poche settimane 30% delle aziende  ha identificato domini potenzialmente fraudolenti che lo usavano con il loro brand.

A cura di Civibox

ottobre 2019