“Modena Pride” 1 giugno 2019, Modena

La testimonianza degli operatori del Coordinamento regionale delle Unità di Strada durante il "Modena Pride 2019".

“Modena Pride” 1 giugno 2019, Modena

“Arcobaleno” è la parola chiave della giornata del primo giugno a Modena, che si è riempita di colori di tutte le sfumature,di eventi culturali, conferenze, feste, momenti ricreativi, cene di autofinanziamento e tanto altro. Modena ha ospitato il primo Pride emiliano del 2019 con l’intento di aprire orizzonti e anche divertire l'intera provincia e conquistare altri passi nel percorso verso la lotta alla discriminazione e per la piena uguaglianza di lesbiche, gay, bisessuali, trans*, intersessuali, asex*, queer, persone sieropositive e siero-coinvolte, ma anche persone classificate come psichiatriche, semplicemente straniere o diversamente abili: ogni identità trova spazio e possibilità di rivendicazione.

Il Coordinamento delle Unità di Strada della Regione Emilia-Romagna ha partecipato!

L’evento ha avuto anche uno scopo di prevenzione e informazione, riguardo ad argomenti come malattie sessualmente trasmissibili, alcol, droghe, bullismo, stigmatizzazione e stereotipo. Ha visto la partecipazione di pubblico incredibile; una folla di oltre 20.000 persone,arrivate da tutta l’Emilia e oltre, è partita dal Novi Sad verso le 15.30 seguendo i festosi carri a tema e ha attraversato il centro storico, facendo poi il giro dei viali, per tornare nuovamente al Novi Sad alle 20, dove dal palco il Pride ha lanciato il suo grido a difesa dei diritti civili e del diritto ad essere felici di quello che si è e per quello che si decide di amare. I festeggiamenti sono continuati fino a notte inoltrata.





Come in tanti altri grandi eventi ha visto la collaborazione di UdS delle città di Bologna, Parma e Ferrara, oltre q quelle della provincia e della città di Modena, dando vita a un équipe di 20 operatori. Abbiamo allestito la zona Chill out provvista di cuscini per dare la possibilità di rilassarsi dopo la cocente parata, inoltre è stato allestito un ricco banchetto di depliant

informativi, zuccheri per ricaricarsi di energie (come caramelle,succhi di frutta,cracker..) e acqua. Durante la parata l’equipe si è suddivisa in 3 gruppi da circa 6 operatori,e ogni gruppo era adibito a un camper/furgone, il quale si occupava della distribuzione di acqua per evitare malori e svenimenti, e di un eventuale primo soccorso, di cui non c'è stato bisogno. Al termine della parata abbiamo continuato le ispezioni per il novipark.

È stato un grande evento che ha visto la collaborazione del Comune di Modena e della Regione Emilia-Romagna e ha goduto del sostegno del Sindaco e di tante altre associazioni e partiti che si sono uniti per farsi sentire e per sostenersi a vicenda. Ricordiamoci quindi "love is love" insegnamolo ai nostri figli e a tutti coloro che ci circondando!

Galleria foto "Modena Pride 2019"


a cura di Maria Cagossi

della Cooperativa Caleidos

unitamente a Chiara Meletti e Maria Rita Guadagnuolo